Riflessi

Che ne hanno fatto di noi?

By 27 Gennaio 2019 Aprile 6th, 2019 No Comments
Giorno della memoria

Se Dio esiste  dovrà chiedermi perdono ha scritto un deportato sui muri di Auschwitz.
Se Dio esiste, scrivo invece io, dovrà perdonare milioni di Italiani che col loro ignaro consenso hanno consegnato il nostro Paese alla disumanità e all’orrore di un nuovo Nazismo.
La deriva pericolosa della mente offuscata  dal livore e dall’odio che fa dell’uomo un essere neppure paragonabile alle bestie, che in tal modo offenderemmo.

Una scelta immorale, un fiume  in piena, distruttivo dei suoi stessi argini, un declino pericoloso per tutti (TUTTI!), che manda a puttane le conquiste culturali post-fascismo dei grandi Uomini e delle grandi Donne che hanno fatto la Storia, affinché, di quella storia, cogliessimo noi i fiori. Noi.
<<Onde dello stesso mare, foglie dello stesso albero, fiori dello stesso giardino.>>
Noi. Gli esseri umani.
Umani!

Altro che Giorno della Memoria!

Che ne è stato di quei grandi Uomini e di quelle grandi Donne? Che ne è stato delle loro lotte, dei soprusi, delle ingiustizie, delle loro morti? Che ne è stato?
Cosa ne hanno fatto di Voi? Cosa ne faranno di Noi?
Ma ai Vostri figli ci pensate oppure no?

No. Non ci arriveremo. Noi, non lo permetteremo. Siamo talmente consapevoli, talmente  in pace con noi stessi che non abbiamo bisogno di inventarci alcun odio, non sappiamo neppure cos’è, perché le nostre energie son già spese altrove, a quello che conta veramente, a ciò che fa di questa vita, una vita vera. Non abbiamo fiamme infernali che bruciano dentro,  le abbiamo già spente da tempo, nell’impegno e nella crescita attiva a  beneficio  nostro e dell’Altro.  Non sappiamo cosa siano i sentimenti cattivi perché anche i nostri sentimenti più umani e distruttivi abbiamo imparato a trasformarli in energia costruttiva e tanta, tanta  umanità.

Buona giornata della Memoria  a tutti quelli che, della memoria, hanno fatto il proprio baluardo per la nascita di nuove consapevolezze.
L’amore s’impara solo <<nella pietà che non cede al rancore >> (F. De Andrè)

Buona giornata della Dimenticanza a tutti quelli che,  della memoria, hanno fatto il proprio baluardo per la regressione verso modelli totalitari e violenti.
<<Padre perdona loro, perché non sanno quello che fanno >> (Gesù Cristo)

Leave a Reply